Supplemento a ForumPa.it

Seguici su

Keynote

La città di Barcellona ha vissuto nei secoli profonde e importanti trasformazioni. Oggi è in corso un ulteriore cambiamento: la città si appresta a diventare una Smart City 5.0. Julia Lopez Ventura, project manager di Urban Habitat del Comune di Barcellona, spiega che oggi le città hanno nuovi strumenti informatici per evolvere. L’importante, sottolinea, è “sapere cosa la città vuole essere” e in che direzione vuole crescere.

"Le pubbliche amministrazioni rispecchiano le società al cui interno operano e al cui servizio sono poste" inizia così l’intervento di Gregorio Arena durante il convegno "Dal governo con la rete allo stato partner". Osserviamo dunque l’amministrazione pubblica italiana perché questa riflette e racconta molto della nostra società.

Facciamo fatica a innovare. Perché? Nel nostro paese “esiste prima di tutto un problema culturale” ha affermato Debora Serracchiani, Presidente della Regione Friuli-Venezia Giulia e Vicesegretario del Partito Democratico.

In questo interessante intervento del Ministro per gli Affari Regionali e delle Autonomie Graziano Delrio, si propone una riorganizzazione delle amministrazioni locali che renda più prossime le istituzioni ai cittadini, sulla scia del ddl relativo al riordino territoriale che lo stesso Ministro ha proposto e di cui parliamo anche in questo editoriale del nostro presidente.

Come si finanzia una smart city? Se ne è parlato spesso nel corso della Smart City Exhibition 2013 e diverse sono le modalità di finanziamento che le amministrazioni possono ricercare: bandi comunitari e nazionali, partnership pubblico-privato o anche alcune forme di crowsource.  Ma come trarre il massimo risultato con un minimo investimento economico?

A lezione di branding territoriale e maketing urbano con Sergio Di Paolo, esperto di marketing strategico, pianificazione, comunicazione del Comune di Genova. Lo sviluppo di un’immagine coerente e attrattiva della città è indispensabile in un contesto modiale per attrarre turismo, nuovi talenti e nuove economie. Ma qual è il percorso da seguire? Passo dopo passo, seguiamo le varie tappe toccate dal piano metodologico sviluppato per la città di Genova.

“Lavora su ciò che importa alle gente; rimboccati le maniche e collabora; sviluppa la tua rete di relazioni; sì presente on come off line; trascendi dai dati, sono solo una parte della tua cassetta degli attrezzi”: così Nigel Jacob esorta il pubblico della Smart City Exhibiton.

Finanziato dal  7° Programma Quadro, il progetto si propone di costruire degli strumenti di supporto alla pianificazione urbana, con particolare riferimento alla identificazione dei problemi, analisi delle soluzioni possibili, consultazione, valutazione e infine decisione politica.

Cosa significa creare una rete di città? Quali possono essere le difficoltà e le esigenze, spesso diverse, che le città possono mostrare lungo il percorso? Il progetto EU Cities Adapt mira ha creare proprio una piattaforma che aiuti le città aderenti a sviluppare sulla base delle proprie capacità una strategia di adattamento e, allo stesso tempo, dare assistenza nell’attuazione della strategia. Tra le città aderenti ci sono anche le italiane: Padova, Ancona e Alba.

Carlos Moreno, Senior Professor alla Universitè d'Evry apre la Conferenza sulle piattaforme d'integrazione e soluzioni ICT con la sua visione di smart city, la #LivingCity. Abbandona la visione tecnocentrica e presenta un modello di città come ecosistema in continua evoluzione.