Supplemento a ForumPa.it

Seguici su

innovazioneSociale

“Le innovazioni sociali sono innovazioni che possono essere descritte come sociali negli scopi e nei mezzi utilizzati per raggiungerli. In particolare, le innovazioni sociali sono nuove idee (prodotti, servizi e modelli) che incontrano bisogni sociali (in maniera più efficace delle alternative) e allo stesso tempo creano nuove relazioni sociali o nuove collaborazioni”.
Commissione europea

Sarà William D. Eggers, direttore generale della Deloitte Reasearch e direttore esecutivo del Deloitte's Public Leadership Institute, l’ospite d’eccezione del convegno "Dal governo con la rete allo stato partner: favorire la collaborazione e la partnership tra i diversi attori sociali, economici, culturali e istituzionali", in programma il 27 maggio a FORUM PA 2014.

12/05/2014 di: Martina Cardellini

Social innovation: quali sono le professionalità connesse ed il suo potenziale occupazionale? In che modo la ‘social innovation’ può veramente fare la differenza?  Domande utili per inquadrare questo nuovo approccio culturale ‘cross sector’ in un momento in cui moltissimi ne parlano ma pochi ne comprendono ancora le implicazioni.

07/05/2014 di: Marco Crescenzi *

Nella definizione di politiche volte alla progettazione di territori smart, non possono mancare spazi di innovazione in cui cittadini, Pubblica Amministrazione e imprese collaborano in modo paritario per l'individuazione di bisogni concreti del territorio. Come abbiamo potuto osservare in diverse esperienze, che ci giungono dall'estero, ma anche dal nostro Paese, è su tale interazione che poggia la trasformazione verso la smart city, dove ogni cittadino può divenire parte attiva nei processi di user driven innovation, contribuendo al cambiamento della propria città.

22/04/2014 di: Eleonora Bove

In un momento di crisi e di cambiamenti radicali nel modo di gestire la cosa pubblica anche il sistema di welfare è chiamato a mutare. Il welfare prima inteso come spesa per un’assistenza passiva deve divenire un investimento sociale fornendo alle persone le risorse per re-inventarsi utilizzando la creatività, l’innovazione e la collaborazione civica. Nulla di impossibile, come dimostrano esempi avviati in ogni angolo del pianeta, dalla Florida a Milano.

17/04/2014 di: Martina Cardellini

In Italia si stanno diffondendo esperienze di riappropriazione dello spazio scolastico da parte della cittadinanza, organizzata principalmente sotto forma di associazioni di genitori. L’esigenza è quella di costituire vere e proprie scuole di comunità che possano fare da ponte con il territorio. Esperienze di sussidarietà orizzontale, casi pilota che hanno potuto confrontarsi il 22 Marzo 2014 a Roma in occazione del convegno “Scuole aperte, un modello sostenibile” organizzato dai genitori dell’Associazione Scuola Di Donato, con il patrocinio del Comune di Roma, che è stata pioniere tra i primi plessi scolastici a fare della partecipazione diretta e volontaria alla cura degli spazi scolastici e di quartiere il proprio principio guida, promuovendo circoli virtuosi di responsabilizzazione dei cittadini e delle istituzioni. Abbiamo chiesto a Giulia Pietroletti, Assessore all'ambiente, decoro, intercultura e innovazione nella Pubblica Amministrazione nel Municipio Roma V e membro dell’Associazione Scuole Aperte di raccontarci il progetto della scuola Pisacane di Roma, che ha seguito l'esempio della scuola Di Donato.

31/03/2014 di: Francesca Battistoni