Supplemento a ForumPa.it

Seguici su

Casi

Chicago ha rapidamente ampliato la propria attività di dati aperti negli ultimi anni e ha visto aumentare per dimensioni e sperimentazioni la propria comunità di civic hacker. Una coincidenza? No, negli USA hanno verificato che le persone se fornite degli strumenti usano le proprie competenze tecniche per contribuire a migliorare le città in cui vivono. Perché non dovrebbero? Non è più solo questione di trasparenza, ma di civic innovation. Aprire e aspettare non basta, siamo alla fase di gioco successiva e l’Italia non se ne è accorta.

07/01/2014 - 13:18

Nel territorio mantovano l'iniziativa smart city ha qualcosa di nuovo ed esemplare rispetto ai numerosi casi nazionali e internazionali di città che stanno lavorando a questo tema. Infatti, grazie alla solida guida dell'amministrazione provinciale, in questa iniziativa i rigidi confini che separano le singole aree urbane sono stati completamente cancellati, favorendo la costruzione di un'unica grande community di progetto in cui sono stati coinvolti tutti i Comuni della provincia. In questo contesto, partecipazione e collaborazione sono diventati i concetti chiave che hanno permesso di sviluppare un progetto caratterizzato da un obiettivo condiviso che poteva essere raggiunto solo lavorando come gruppo, e non come singoli: mettere a sistema l'ingente patrimonio culturale e ambientale custodito da ciascun Comune al fine di migliorare la capacità attrattiva dell'intero territorio e le sue modalità di fruizione, promuovendone un'immagine unitaria.

20/12/2013 - 15:34

Socializzazione, solidarietà, educazione, innovazione, economia locale sostenibile, hanno reso l'esperienza udinese un modello per molte città italiane. Non a caso Udine è stata nominata “capofila nazionale” per la rete degli orti urbani di Coldiretti e Campagna Amica. Il verde urbano autogestito, in quanto bene comune, diventa occasione di socializzazione e aggregazione. L’autogestione stavolta non è protesta, ma collaborazione. Anche questa è la Smart City.

16/12/2013 - 13:43

Le città intelligenti non esistono dove vi è un vuoto politico. Le iniziative di successo sono destinate a rimanere casi isolati in poche isole felici se i Governi nazionali non decidono di farsi carico del coordinamento di esperienze territoriali, supportandole con incentivi e partnership high tech. Il Giappone insegna. Accanto a politiche d’intervento mirate, sono nate delle proficue collaborazioni con importanti aziende nazionali e non: Panasonic, Accenture, Toyota. Perché la sperimentazione diventa progetto replicabile, che significa migliore qualità della vita sì, ma anche risparmio e maggior export. E’ suonata la campanella e si corre tutti a lezione.

09/12/2013 - 15:21

C’è un quartiere nel Nord Europa dove i residenti vivono in perfetto equilibrio con la natura. E’ a Malmö dove il progetto di riqualificazione ambientale del porto si è trasformato in un esempio di sostenibilità al 100%, riconosciuto dall’unione Europea e difeso dai suoi residenti “sentinella”. Vento, sole e acqua producono tanta energia quanto se ne consuma e i cittadini, tramite mobile, possono controllare che i propri consumi e quelli del quartiere siano “a norma”. Ecco una human smart city, anzi neighborhood.

02/12/2013 - 15:49

Occhi aperti su San Francisco. Non è (solo) la città degli Open Data, ma quella che ha “istituzionalizzato” l’innovazione sociale, creando un ufficio comunale ad hoc e un team di otto giovani esperti per trasformare la città nella più Responsabile, Accessibile e Reattiva d’America.

25/11/2013 - 12:17

Quando si comincia a parlare di condomini, vengono subito alla mente interminabili riunioni serali e confronti concitati con il proprio dirimpettaio. Eppure sono il luogo ideale dove avviare azioni collettive che favoriscano la razionalizzazione dei consumi e la riduzione dei rifiuti. A tutto beneficio dell’ambiente e del proprio portafoglio. Dimenticate la vostra idea di vita in condominio, perché a Padova è possibile scenario di azioni virtuose e strategie energetiche che possano essere da supporto alle politiche pubbliche in materia di green economy: è il miracolo Smart City.

14/11/2013 - 15:58

Dopo alcuni mesi torniamo ad occuparci dell’ambito internazionale e scopriamo che ci sono progetti ambiziosi in materia Smart City che, similmente a quanto individuato in sede europea, mirano ad attrarre investimenti e “cervelli”.  Mentre in Italia tra avvii incerti ci si affanna alla ricerca di finanziamenti, in Oriente e a Dubai in particolare si investe: si sa, benessere e alta qualità della vita attirano finanziatori. E’ così che la Dubai Smart City, più tecnologica che social, ha il non tanto velato tentativo di riprendersi dallo shock subìto con la crisi immobiliare del 2008.

08/11/2013 - 10:30

Nella progettazione come nell’applicazione del modello smart city appare fondamentale realizzare un rapporto sinergico tra pubblico e privato, al fine di stimolare un sistema che promuova le imprese locali. Una smart city si impegna ad innalzare il livello tecnologico generale senza disdegnare la sperimentazione, siglando partnership con società o enti di ricerca impegnati nello studio e nello sviluppo di soluzioni innovative nell’ICT.  Un buon esempio italiano è la città di Trento che si presenta come polo tecnologico innovativo, ma sempre citizen oriented.

04/11/2013 - 15:36

L’Unione Europea investirà più di 3 miliardi di euro nel prossimo quinquennio nel settore del riciclo dei rifiuti. Si cambia prospettiva, i rifiuti sono risorsa da riciclare per recuperare materie prime. L’obiettivo è realizzare un’economia circolare che porti alla nascita di nuove attività produttive nel rispetto dell’ambiente. La città di Ferrara si appresta a cogliere questa opportunità puntando alla realizzazione di un distretto del riuso, e cercando una propria strada alla smart city.

28/10/2013 - 16:50