Supplemento a ForumPa.it

Seguici su

Making Human Smart Cities real

Un errore spesso comune è definire una smart city dalla quantità di applicazioni informatiche o dal livello tecnologico raggiunto, dimenticando che “al primo posto ci sono le persone” che quella città la abitano, una Human Smart City appunto. La tecnologia deve essere da supporto alla trasformazione, anche democratica di un Paese, ma deve partire dai comportamenti e dalla relazione sociale.

17/10/2013

Making Human Smart Cities real

Un errore spesso comune è definire una smart city dalla quantità di applicazioni informatiche o dal livello tecnologico raggiunto, dimenticando che “al primo posto ci sono le persone” che quella città la abitano, una Human Smart City appunto. La tecnologia deve essere da supporto alla trasformazione, anche democratica di un Paese, ma deve partire dai comportamenti e dalla relazione sociale. Eletto Presidente di ENoLL, Alvaro De Oliveira é responsabile per le relazioni internazionali, politica dell'innovazione ed i settori di energia e ambiente dell'European Network of Living Labs. Nel corso dell’incontro “Smart City umane e sostenibili: condivisione, collaborazione, innovazione comunitaria” parte dall’assunto che bisogna portare le persone a co-progettare la propria città, in un’ottica di co-design di servizi, che però non deve escludere la partecipazione delle amministrazioni. Le Human Smart Cities sono quelle in cui le amministrazioni coinvolgono i cittadini, ma allo stesso tempo sono disponibili a essere coinvolte da questi.