Supplemento a ForumPa.it

Seguici su

La scuola multiculturale può fare la città più ricca

Non a caso il MIUR ha recentemente stanziato un milione di euro per l'integrazione degli alunni con cittadinanza non italiana. L’immigrazione ha cambiato la scuola: sono più di 800.000 gli alunni e gli studenti di origine non italiana, la percentuale nazionale supera il 9% sul totale della popolazione scolastica, i Paesi di provenienza sono 190. Quando pensiamo alla smart city, non possiamo dimenticare la scuola e in questo tempo meno che mai, la scuola multiculturale. Lo facciamo in vista di Smart City Exhibition 2015, a partire da questo documento di lavoro, frutto dell’incontro tra otto scuole tra le più multiculturali d’Italia , in occasione della scorsa Biennale dello Spazio Pubblico, in un laboratorio coordinato da Vinicio Ongini, del MiUR con il supporto di FORUM PA.

L’I.C.S. ‘Daniele Manin’ di Roma si trova nel cuore del rione Esquilino, un territorio tutt’altro che periferico e decisamente multietnico. Miriam Iacomini*, intervenuta al laboratorio della Biennale Spazio Pubblico 2015, coordinato da Vinicio Ongini del MIUR con il supporto di FPA, racconta l'esperienza virtuosa di una scuola multiculturale come vissuta dai ragazzi, dagli insegnanti e dai genitori.

26/10/2015 di: a cura di ICS Manin, Roma

L’ISS Via Domizia Lucilla è un Istituto Alberghiero situato in un’ area di periferia notevolmente disagiata, quartiere dormitorio tra Primavalle e la stazione ferroviaria di Monte Mario, a Roma. La scuola è isolata rispetto all’abitato e confina con un campo rom.  Al  momento vi sono iscritti 1280 studenti, di cui 233 con cittadinanza straniera (18,2%). Tra loro circa 150 presentano serie difficoltà nella lingua italiana. La presenza di ragazzi provenienti da altri Paesi tende a crescere col tempo.

05/10/2015 di: a cura di Istituto Alberghiero di via Domizia Lucilla, Roma

Stando ai dati rilevati dal Servizio Statistica del Comune di Firenze per l’anno in corso, il Quartiere 5, dove si trova l'IIS Sassetti Peruzzi non solo è il più popoloso della città, ma ha anche la più alta percentuale di stranieri in rapporto alle nazionalità presenti sul territorio comunale. La Dirigente scolastica, Barbara Degli Innocenti, intervenuta al laboratorio "Scuola e Spazio Pubblico Interculturale" della Biennale Spazio Pubblico 2015, ha preparato per noi la scheda di presentazione.

05/10/2015 di: a cura di IIS Sassetti Peruzzi - Firenze

L'Istituto Comprensivo Regio Parco di Torino è attualmente composto da 5 plessi: una scuola dell'infanzia, tre scuole primarie e una scuola media. Da settembre 2015, a seguito di operazioni di dimensionamento/accorpamento si aggiungerà un'ulteriore scuola media e a settembre 2016 si aggiungerà una scuola dell'infanzia.

21/09/2015 di: a cura di Istituto Comprensivo Regio Parco di Torino

Con il contributo di Vinicio Ongini, MIUR della scorsa settimana, abbiamo tracciato in sintesi le possibili linee di rinnovamento della scuola, nell'ottica di rendere la presenza di studenti immigrati una risorsa per l'intero quartiere. Da oggi scendiamo nel dettaglio delle otto esperienze che hanno partecipato al Laboratorio che la Biennale dello Spazio Pubblico, lo scorso maggio ha dedicato al tema, lo facciamo attraverso la voce dei dirigenti che lavorano ogni giorno per rendere la scuola multiculturale più bella. Partiamo da Palermo

21/09/2015 di: Riccardo Ganazzoli*, Dirigente scolastico

Non a caso il MIUR ha recentemente stanziato un milione di euro per l'integrazione degli alunni con cittadinanza non italiana. L’immigrazione ha cambiato la scuola: sono più di 800.000 gli alunni e gli studenti di origine non italiana, la percentuale nazionale supera il 9% sul totale della popolazione scolastica, i Paesi di provenienza sono 190. Quando pensiamo alla smart city, non possiamo dimenticare la scuola e in questo tempo meno che mai, la scuola multiculturale. Lo facciamo in vista di Smart City Exhibition 2015, a partire da questo documento di lavoro, frutto dell’incontro tra otto scuole tra le più multiculturali d’Italia , in occasione della scorsa Biennale dello Spazio Pubblico, in un laboratorio coordinato da Vinicio Ongini, del MiUR con il supporto di FORUM PA.

14/09/2015 di: Vinicio Ongini*, MIUR