Supplemento a ForumPa.it

Seguici su

Innovazione sociale made in Italy. Lavori in corso

Grazie alla ricchezza di “comunità” e potenziale innovativo che ne alimenta i territori, l’Italia ha più di qualcosa da dire in tema di innovazione sociale. L’innovazione sociale Made in Italy ha infatti tante storie da raccontare, che prendono forma attraverso volti e voci di persone che, in settori diversi, lavorano in modo nuovo per risolvere problemi complessi. A FORUM PA 2012 si sono incontrati gli innovatori sociali italiani, quelli “ufficiali” insieme a quelli “di fatto”, attivi in campi solo apparentemente senza legami: dalla governance dei beni comuni alla scienza, dalla finanza all’education, dall’impresa al welfare e alla tecnologia. In questo dossier abbiamo raccolto gli approcci, le storie, le persone.

L'innovazione sociale italiana ha tante storie da raccontare, che prendono forma attraverso volti e voci di persone che, in settori diversi, lavorano in modo nuovo per risolvere problemi complessi. Questa raccolta video è solo un assaggio delle storie di innovazione sociale, rigorosamente made in Italy, tra quante sono state presentate e discusse ai tavoli nella Giornata di FORUM PA 2012, dalla governance dei beni comuni alla finanza, dall'imprenditoria all'education, dalla tecnologia alla scienza fino al welfare. E per quanti si chiedono "cosa è venuto fuori dai tavoli", sono on line i primi materiali.

04/07/2012 di: Chiara Buongiovanni

 A un anno dai referendum che hanno decretato l’acqua “bene comune” e mentre si riscalda il dibattito sui modelli di gestione dell'oro blu (con particolare veemenza a Roma dove si discutono le sorti dell’Acea), Alberto Lucarelli, assessore a Beni comuni, Acqua pubblica e Democrazia partecipativa del Comune di Napoli e professore di Diritto pubblico all’Università Federico II, ci introduce al tema della governance dei beni comuni. E parte da una "pratica" unica in Italia: la gestione dell'acqua pubblica con l'azienda speciale ABC - Acqua Bene Comune Napoli. 

19/06/2012 di: Chiara Buongiovanni

Qualcuno ha scritto di FORUM PA 2012 come di un grande cervello: un raggruppamento inusuale di neuroni e sinapsi, in una tre giorni e mezzo di incontri, presentazioni e contatti, nelle sale di lavoro come al bar. Uno zoom speciale meritano le “sinapsi” in creativity room il 17 maggio, dove hanno lavorato gli innovatori sociali italiani, quelli “ufficiali” insieme a quelli “di fatto”, attivi in campi solo apparentemente senza legami: dalla governance dei beni comuni alla scienza, dalla finanza all’education, dall’impresa al welfare e alla tecnologia. (Qui le immagini).

25/05/2012 di: Chiara Buongiovanni

Una social innovation agenda per il Paese per affrontare problemi rilevanti come la riduzione delle emissioni tramite tecnologie pulite, infrastrutture intelligenti per la mobilità, la realizzazione di modelli urbani e abitativi più sostenibili, una sanità efficiente, un welfare equo e tecnologico per una società che invecchia. Queste le linee guida tracciate dal Ministro Profumo al convegno ianugurale di FORUM PA 2012.

17/05/2012 di: Tiziano Marelli

L’innovazione sociale fa incontrare pubblica amministrazione, impresa, finanza, welfare, scienza, education e tecnologia. Ma come? E, soprattutto, perché? Filippo Addarii, direttore esecutivo di Euclid Network, spiega che  "l’innovazione sociale è un modo diverso di capire e strutturare la società ma anche di vivere la nostra relazione come individui rispetto alla comunità. Un modo diverso di essere cittadini, consumatori, elettori. E’ un modo nuovo per la PA di interagire con il privato e per l’impresa di interagire con le istituzioni e con i cittadini". 

30/04/2012 di: Chiara Buongiovanni